Socialize

Broadway, l’eccellenza del teatro americano

Print Friendly, PDF & Email

Il musical "Chicago" a Broadway

Non è un caso che i musical di Broadway abbiano incassato circa 937 milioni di dollari nella stagione 2007-2008. Questi spettacoli targati USA - che fondono musica, canto, danza e prosa e il cui primo, acerbo esempio intitolato "The Black Crook" si data attorno al 1866 -  condensano l'essenza stessa del talento americano per lo show-business: professionalità, solida preparazione e talento. Una ricetta solo apparentemente semplice, ma che in realtà nasconde un mondo fatto di duro lavoro. I teatri sempre affollati, il pubblico che fa ore di fila per accaparrarsi il biglietto scontato dell'ultima ora, le produzioni che per anni interi mettono in scena sempre lo stesso spettacolo dimostrano che gli spettatori amano la qualità. Sempre.

E non è un caso che i musical di Broadway, dopo il grande successo iniziato negli anni '20 e che ha contaminato anche il cinema hollywoodiano, siano diventati non solo uno dei simboli di New York ma anche un vero fenomeno di massa, capace di attirare anche il pubblico straniero. Recentemente si è imposta una moda da parte delle produzioni che, per conquistare ancora più spettatori, hanno cominciato a ingaggiare famose star del cinema e della tv per fare interpretare loro i ruoli da protagonista. La macchina di Broadway è dunque perfetta, e, nonostante gli anni passino, sembra non aver subito neppure un colpo.

Tanti teatri per quanti sono gli spettacoli, tutti condensati accanto a una via, la Broadway per l'appunto, nel tratto che attraversa il quartiere Mid Town: mille storie ci sarebbero da raccontare, e tanti talenti da descrivere. Per voi abbiamo scelto uno spettacolo su tutti, "Chicago", scritto dal leggendario Bob Fosse nel 1975, per la regia Walter Bobbie. Tra gli attori la starlette Ashlee Simpson-Wentz, la bravissima Deidre Goodwin, Brent Barrett e Raymond Bokhour, tutti eccellenti cantanti, ballerini e attori. La scena si svolge negli anni '20 a Chicago: Roxie ha ucciso il suo amante e per questo va in galera. Lì troverà Velma, anche lei colpevole di omicidio. Roxie sogna di diventare famosa cantando e ballando, proprio come Velma. Ci riuscirà grazie all'aiuto dell'avvocato Flynn, che porta l'opinione pubblica dalla parte della ragazza. Ben presto però le due aspiranti star entreranno in collisione...
Ogni interprete sul palco si è dimostrato perfettamente all'altezza delle aspettative, sia dal punto di vista dell'espressività, che della presenza scenica: emozione e tecnica, strette in un proficuo connubio, rendono "Chicago" uno spettacolo di puro intrattenimento, ad altissimo livello. Straordinaria anche l'orchestra, diretta da Leslie Stifelman, nell'esecuzione dal vivo dei celebri brani che Kander & Ebb (gli stessi autori di "Cabaret" e "New York, New York"), composero per il musical.

Viene spontaneo un paragone con l'Italia, dove da qualche anno i musical sembrano aver conquistato una buona fetta del mercato teatrale italiano. Proprio sull'onda di certi programmi tv che sembrano sfornare "artisti" fatti apposta per questo genere di spettacoli. Certo è che se la formazione nel nostro Paese di attori in grado di ballare e cantare resterà appannaggio delle sole scuole televisive, l'incredibile "livello medio" che si può constatare in un qualunque artista di Broadway (o anche di Londra, per restare in Europa) qui da noi sarà difficile da raggiungere. Se l'interesse del pubblico continuerà a premiare il musical, serviranno davvero scuole serie, dal respiro internazionale, e molta professionalità.

Articoli che potrebbero interessarti

  • 71
    CAP. III Due donne infelici Gregorinne è sveglia dall’alba. Quante volte ha provato a girarsi per cambiare posizione, ma solo dopo vari tentativi andati a vuoto ci è poi riuscita. Fa leva solo sulle sue braccia pur sapendo che neanche queste le danno tanta garanzia di forza, ma rappresentano le…
    Tags: per, si, non, è, in, i, nel
  • 69
    CAP. VII  Il pranzo di Aurore Anche se le sue camere mansardate sono vuote, Aurore si è alzata prima del solito. L’ansia di rivedere il suo Vincent e di impossessarsi di quel documento, l’ha tenuta sveglia quasi tutta la notte. Era da tanto che aspettava questo momento ma ora è…
    Tags: si, è, per, in, i, non
  • 68
    Cari lettori, inizia oggi una piccola, nuova avventura per 4ARTS: la pubblicazione di un giallo a puntate (un capitolo a settimana), firmato dalla nostra collaboratrice Annamaria Porrino. Nel pieno stile dell'autrice, si tratta di un lavoro accattivante, ricco di atmosfere e spunti di riflessione, che siamo certi apprezzerete. Buona lettura…
    Tags: per, in, si, è, i, non
Pubblicato da nel 14 gennaio 2010 alle ore: 18:26. Archiviato sotto Musica,Recensioni,Spettacolo,Teatro. Puoi lasciare una risposta o trackback a questo articolo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>