Socialize

City Lights: prezioso lavoro di Smooth Streets Project

Print Friendly, PDF & Email

Smooth Streets Project, City Lights

Una band come Smooth Streets Project invita senz’altro a sviluppare ogni capacità del pensiero musicale, attingendo ad un metodo che fa della spontaneità il mezzo più efficace per segnare i punti della scelta estetica in un’atmosfera soffusa quanto piacevole, morbida e gradevole, creativa e solare.
La linea melodica è segnata dalla chitarra di Matteo Tundo, musicista capace di spaziare fra generi e limiti diversi, disegnati da uno stile originale, dilatato nella puntuale ingegnosità dell’equilibrio del suono. Varie dimensioni personali vengono esplorate nell’album, stimolanti e complete, estremamente comunicative, dirette da gestualità profonde e attente, in cui la padronanza dell’armonia comunica emozioni ed opportunità di intenso sviluppo comunicativo.
Il segno stilistico varia da Bill Frisell a John Scofield e a Pat Metheny, dalla volontà di fondere jazz, blues, rock e funk in un sound swingante e luminoso, disegnato da una coesione flessibile ed emozionante.
Un chiaroscuro da “swampy groove”' rallentato e sincopato, si fonde alla perfezione con la sensibilità musicale del Nostro, prezioso tributo al jazz contemporaneo.
Da ascoltare senza parole, e con l’animo assorto.

Smooth Streets Project
City Lights
Red Cat 2012
Matteo Tundo: Guitars
Pierluigi Delle Noci:  Drums
Maurizio Gambardella: Bass, Programming
01. Green Tea
02. Dizzy
03. Waterbubbles
04. City Light
05. Take Five
06. The Lonely Tree
07. Manhattan
08. Novembre
09. Lobo
10. Monday
11. Long Drink Blues
12. Footprints
13. City/Zen Groove

Articoli che potrebbero interessarti

  • 54
    Intervista a Francesco Cataldo, in occasione del suo album Spaces (leggi la recensione) Qual è il significato del titolo che hai scelto per il tuo album? L’ idea di “Spaces”, in questo caso “spazi sonori”, mi ha sempre affascinato sin da quando ho cominciato a comporre. “Spazi” significa dare, donare…
    Tags: in, per, è, si, l, ed, i, come, delle
  • 54
    Roberto Magris, l'intervista. “One night in with hope and more…vol.1”: iniziamo dal tuo penultimo album. Un album all’impronta dell’eleganza, ancora una volta, e ancora una volta dedito alla lettura di pentagrammi magici dei maggiori interpreti di un jazz che ami profondamente…. E’ vero: sono il primo ad amare le cose…
    Tags: è, in, per, jazz, ed, si, l, come
  • 52
    Cari lettori, inizia oggi una piccola, nuova avventura per 4ARTS: la pubblicazione di un giallo a puntate (un capitolo a settimana), firmato dalla nostra collaboratrice Annamaria Porrino. Nel pieno stile dell'autrice, si tratta di un lavoro accattivante, ricco di atmosfere e spunti di riflessione, che siamo certi apprezzerete. Buona lettura…
    Tags: per, in, si, è, l, i
Pubblicato da nel 14 novembre 2012 alle ore: 17:22. Archiviato sotto Musica. Puoi lasciare una risposta o trackback a questo articolo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>