Socialize

Creative Europe, negoziati ok

Print Friendly, PDF & Email

Alla fine di novembre i ministri europei della Cultura si sono riuniti a Bruxelles

per discutere il prossimo programma europeo cultura 'Creative Europe'. La discussione si è incentrata sul dettaglio delle regole per il meccanismo di garanzia finanziaria proposto dalla Commissione. Dal punto di vista del Parlamento europeo, un importante passo avanti è stato fatto quando il rapporto su 'Creative Europe' elaborato dall'euro deputato Silvia Costa è stato votato il 18 dicembre. Gli Stati membri hanno già raggiunto un primo accordo su 'Creative Europe', nel maggio di quest'anno, meglio noto come "orientamento generale parziale", dove hanno concordato modifiche al contenuto della proposta CE, ma rinviato le discussioni sulla garanzia finanziaria.

creative europe

Un altro significativo elemento introdotto dai ministri è la definizione di un equilibrio geografico e per settore di rappresentanza nella selezione dei beneficiari per il meccanismo di garanzia. Per quanto riguarda la selezione degli intermediari finanziari, è stata specificata la possibilità di costruire un portafoglio diversificato di prestito e di proporre un marketing e promozione. Grande soddisfazione dalla maggior parte degli Stati membri per il nuovo testo modificato. Tuttavia, Austria e Germania hanno ancora riserve sull'inserimento di una priorità per il finanziamento non-profit progetti / organizzazioni in quanto temono che tale menzione esplicita, potrebbe essere un ostacolo al finanziamento di festival, teatri e altre attività di natura più commerciale. La più grande riserva resta quello del Regno Unito. Il ministro delle Finanze britannico teme che il meccanismo di garanzia finanziaria sarebbe contro i principi comunitari di competitività del mercato equo e paritario. Il Regno Unito è attualmente capofila di indagini e studi nel merito. Se venisse stabilito che la priorità di finanziamento al non-profit fosse contro i principi dell'Unione europea, una soluzione prevista dal Consiglio sarebbe quello di optare nel quadro del più ampio strumento di debito Horizon 2020/COSME. E' stato conferito all'onorevole Doris Pack (presidente della commissione cultura, PPE / Germania) mandato di avviare le riunioni informali di negoziazione.

Articoli che potrebbero interessarti

  • 51
    Il Partito Democratico ha messo al centro dei suoi impegni la cultura, l'arte e lo spettacolo dal vivo. I modi e i tempi con i quali intende attuare il programma sono dichiarati in modo esaustivo sul sito del PD. Cosa riuscirà a fare lo vedremo ma, nei fatti, è indubbiamente…
    Tags: per, è, i, cultura, degli, delle, si, più
  • 50
    CAP. VII  Il pranzo di Aurore Anche se le sue camere mansardate sono vuote, Aurore si è alzata prima del solito. L’ansia di rivedere il suo Vincent e di impossessarsi di quel documento, l’ha tenuta sveglia quasi tutta la notte. Era da tanto che aspettava questo momento ma ora è…
    Tags: si, è, per, i
  • 49
    CAP. III Due donne infelici Gregorinne è sveglia dall’alba. Quante volte ha provato a girarsi per cambiare posizione, ma solo dopo vari tentativi andati a vuoto ci è poi riuscita. Fa leva solo sulle sue braccia pur sapendo che neanche queste le danno tanta garanzia di forza, ma rappresentano le…
    Tags: per, si, è, i, nel
Pubblicato da nel 27 dicembre 2012 alle ore: 7:00. Archiviato sotto Europa,Politiche Culturali. Puoi lasciare una risposta o trackback a questo articolo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>