Socialize

La mandragola di Machiavelli a Roma: omaggio alla Commedia dell’Arte

Print Friendly, PDF & Email

Ieri sera, 20 giugno, nell'accogliente spazio dell'associazione Defrag, al Tufello, è tornata in scena la Compagnia degli Attempati, con la regia di Gabriele Guarino, riproponendo la loro originale versione del capolavoro letterario di Machiavelli: La mandragola.

La Mandragola - Gabriele Guarino

Una versione in cui, sui personaggi originari, vengono felicemente innestate le figure della più pura Commedia dell'Arte, e ciascuna con una connotazione linguistica definita: in questo modo il marito destinato ad esser cornificato, messer Nicia, è reso come uno spassosissimo Balanzone bolognese (Luca Gabos), Siro, il servo di Callimaco, diventa un incontenibile Arlecchino lombardo (Valentina Puccini), l'astuto Ligurio, ribattezzato Bolzannio (Sara Perri), è lo Zanni, veneto, della Commedia, e così via, anche per gli altri: la pia Lucrezia (ancora Valentina Puccini), lo spasimante Callimaco (Cristian Mazzotta), la disinibita suocera Sostrata, calabrese (Micaela Bonito), e l'avido Fra' Timoteo, siciliano (Alessio Sapienza): tutti acquisiscono risonanze, vezzi e lazzi tipici dello stile fortemente espressivo del teatro dell'arte.

Lo stesso testo di Machiavelli, pur nelle inevitabili riduzioni, viene arricchito e stravolto, piegandolo a improvvisazioni e aperture musicali, canore, perfino danzate, con il coinvolgimento del pubblico, e l'ampliamento dello spazio scenico fino ad includere l'intera platea.

Insomma il risultato finale è uno spettacolo vivacissimo, in cui le battute dei personaggi, le continue acrobazie, i guizzi, le diverse parlate, gli effetti sonori, i canti e i balli, le luci, i costumi variopinti e i trucchi, tutto si amalgama creando un ritmo incessante dall'inizio alla fine della rappresentazione comica.

Notevole senza dubbio la performance degli attori, che arrivano a sostenere un tour de force di circa un'ora, in cui i loro corpi e le loro voci conoscono pochissime soste, e altrettanto notevole evidentemente l'accurato lavoro di regia che ha plasmato lo spettacolo.

E se la trama originaria dell'opera raffigura sostanzialmente l'ipocrisia borghese di messer Nicia, che pur di aver prole, e contemporaneamente salvare la faccia, è disposto a turpi compromessi (non prima però di aver creduto che anche i reali di Francia abbiano fatto lo stesso...), la realizzazione del testo con i modi della Commedia calca a tal punto ogni personaggio, esplorandone in ampiezza tutte le potenzialità espressive, da finire per trascendere in qualche modo i confini della satira, divenendo un tributo alla genuina spettacolarità di quella forma di teatro che è la Commedia dell'Arte.

Articoli che potrebbero interessarti

  • 57
    E' stato approvato dal Consiglio dei Ministri il decreto legge “L’Istruzione riparte”, per apportare alcune riforme nella scuola e nell'università. Molti gli interventi che potrebbero sensibilmente migliorare la situazione generale dell'istruzione, che da anni denuncia la necessità di misure organizzative urgenti, oltre alla cronica mancanza di fondi disponibili. Oltre agli…
    Tags: per, in
  • 51
    Occhi generosi, sorriso aperto, voce avvolgente e un'umiltà da vero artista: il grande attore Glauco Mauri ci accoglie nel suo studio con disponibilità e cortesia alla vigilia di una data importante, quella del suo ottantesimo compleanno, narrando, proprio come fossero una favola, emozioni e ricordi di una vita interamente spesa…
    Tags: per, è, in, teatro, spettacolo, i
  • 51
    Patrizio Cigliano torna dopo tre anni in teatro con il suo "A cuore aperto", uno spettacolo da lui scritto e diretto che ha raccolto costanti consensi sia da parte di critica e pubblico attraverso la storia di due ottantenni, il loro profondo amore, la loro vita, le traversie della Guerra…
    Tags: è, in, teatro, spettacolo, per
Pubblicato da nel 24 giugno 2013 alle ore: 0:40. Archiviato sotto Recensioni,Teatro. Puoi lasciare una risposta o trackback a questo articolo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>