Socialize

Il piacere dell’onestà ai Giardini della Filarmonica

Print Friendly, PDF & Email
Il piacere dell'onestà regia di S.Nardone

Il piacere dell'onestà regia di S.Nardone

Quando a scrivere è uno dei più grandi drammaturghi del '900, il tempo sembra non passare. Accade con Pirandello, che in questi giorni rivive ai Giardini della Filarmonica Romana con Il piacere dell’Onestà prodotto da Alt Academy, per la regia di Sebastiano Nardone, nell'ambito de I solisti del teatro.
Trappole, sotterfugi, lealtà e ipocrisia, la morale e il suo contrario, e ancora la responsabilità e la necessità di salvare la faccia, nel continuo gioco delle maschere che caratterizza l'amara e beffarda genialità di Pirandello: Il piacere dell’Onestà con la storia di Angelo Baldovino e Agata, della signora Maddalena e di Maurizio Setti, ancora una volta diventa una scoperta, un'occasione per comprendere un po' di più cosa accade nella profondità dell'animo umano, e perché no, anche dentro noi stessi. Non soprende che la Alt Academy abbia scelto di inserire questo spettacolo tra quelli che entreranno a far parte del progetto Eliseo Scuola, nella stagione 2014-2015, una sorta di laboratorio permanente dedicato a studenti e insegnanti. E se l'obiettivo è usare il linguaggio teatrale per affrontare tematiche di interesse sociale, Il piacere dell'onestà, che apparirà nella sezione “Io leggo-Valorizzare i classici” del progetto,  appare una scelta vincente. Perché Pirandello ancora può spiegare molto di ciò che accade nella nostra società: la sua disarmante attualità e l'intelligenza di una parola che, declamata sul palcoscenico, ogni volta si rinnova, può rappresentare davvero la giusta chiave per costruire un dialogo con i più giovani, dando loro gli strumenti culturali per decifrare la complessità della realtà.
I Giardini della Filarmonica Romana in Via Flaminia 118 – ROMA
19, 20, 27 e 31 LUGLIO 2014
Alt Academy
presenta
“Il piacere dell’Onestà”
di Luigi Pirandello
regia di Sebastiano Nardone

Articoli che potrebbero interessarti

  • 62
    CAP. VII  Il pranzo di Aurore Anche se le sue camere mansardate sono vuote, Aurore si è alzata prima del solito. L’ansia di rivedere il suo Vincent e di impossessarsi di quel documento, l’ha tenuta sveglia quasi tutta la notte. Era da tanto che aspettava questo momento ma ora è…
    Tags: si, è, per, in, i, sua, non, suo
  • 55
    CAP. XVIII L’epilogo E’ una hall stile restaurazione. Accanto all’ingresso della sala da pranzo, una lavagnetta con su scritto a gessetto il menù del giorno : insalata di langoustine con pane di segale e burro salato, tartara di pesce, vino muscadet e tarte tatin per dessert. L’ispettore quest’oggi troverà consolazione…
    Tags: si, è, non, per, in, perché, se, sua
  • 53
    A margine della recensione sull’ultimo album del Pollock Project (Quixote, Tre Lune Records, Helikonia 2013), abbiamo l’occasione d’incontrare Marco Testoni. Questo il piacevole dialogo, abbastanza raro per un incallito intervistatore come il sottoscritto. Buona lettura. Immaginiamo di stare su un palco buio e tu sotto le luci di uno Spot.…
    Tags: è, non, in, per, più
Pubblicato da nel 31 luglio 2014 alle ore: 8:04. Archiviato sotto Spettacolo,Teatro. Puoi lasciare una risposta o trackback a questo articolo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>