Socialize

Warhol, la Collezione Brant a Palazzo Cipolla

Print Friendly, PDF & Email
Warhol a Palazzo Cipolla

Warhol a Palazzo Cipolla

Oltre 150 opere del maestro della Pop Art in mostra a Roma a Palazzo Cipolla, dal 18 aprile al 28 settembre, nella grande retrospettiva WARHOL, promossa da Fondazione Roma, Comune di Milano e Palazzo Reale, Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico-Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Roma, e prodotta e organizzata da Arthemisia Group e 24 ORE Cultura – Gruppo 24 ORE.
L'eccezionalità della mostra, oltre che nella grande ricchezza, sta nell'appartenenza di tutte le opere a un'unica collezione, quella dell'americano Peter Brant, amico intimo di Andy Warhol, che negli anni ha avuto la possibilità di costruire la raccolta in continuo rapporto con l'artista.
La mostra è curata da Brant in persona, con la collaborazione del critico Francesco Bonami, e copre in ordine cronologico l'intera parabola artistica di Warhol, accompagnando il percorso con una contenuta serie di puntuali pannelli, con filmati di Warhol, e con brani di Nico e dei Velvet Undergound in sottofondo.
Si ha così la rara occasione di osservare i primissimi timidi tentativi dell'artista negli anni '50, quasi naif, lontani anni luce dallo stile dalle opere che lo renderanno celebre: figure dai contorni insicuri (la tecnica della blotted line), colori accesi o dorati persi nello sfondo bianchissimo. Ma i temi già ci sono: scarpe, oggetti di vita quotidiana, "attacca la coda all'asino", o un essenziale ritratto di James Dean accanto all'auto dell'incidente.
Poi la svolta del '62: un'amica gli consiglia di rappresentare ciò che conosce meglio, e così Warhol dipinge i barattoli della zuppa Campbell, a lui molto familiare: affermerà di averla mangiata "tutti i giorni, a pranzo, per vent'anni": e in mostra se ne possono ammirare due grandi rappresentazioni.
Da lì l'artista non si fermerà più, e la collezione Brant documenta tutto il tumultuoso sviluppo che segue: i ritratti di Liz Taylor, di Elvis, una Blue Shot Marilyn, e gli autoritratti, i Flowers, le Electric chairs, i Disaster paintings, e le rappresentazioni ossessivamente seriali, che oltre alla banconota da un dollaro e alla bottiglia della Coca-Cola arrivano a includere anche la Monna Lisa: "30 sono meglio di una".
E poi ancora le scatole di Brillo, Kellogg's, Del Monte, Heinz e Campbell's, "Oxidation": uno spregiudicato "piss painting", gli Skulls, un'ampia serie di ritratti di Mao, Nixon che incita a votare l'avversario McGovern, una lunga collezione di polaroid di divi, sue frequentazioni all'apice della fama, da Stallone e Schwarzenegger a Jimmy Carter, a Lichtenstein, a Valentino, a Mick Jagger, e molti autoscatti, compresi vari en travesti.
Chiudono le tele degli '80, tra le quali varie riproduzioni dell'Ultima Cena di Leonardo, di cui una gigantesca: l'ultima opera dell'artista prima dell'improvvisa scomparsa nell'87.

Articoli che potrebbero interessarti

  • 58
    E' stato approvato dal Consiglio dei Ministri il decreto legge “L’Istruzione riparte”, per apportare alcune riforme nella scuola e nell'università. Molti gli interventi che potrebbero sensibilmente migliorare la situazione generale dell'istruzione, che da anni denuncia la necessità di misure organizzative urgenti, oltre alla cronica mancanza di fondi disponibili. Oltre agli…
    Tags: per, in
  • 50
    Cari lettori, inizia oggi una piccola, nuova avventura per 4ARTS: la pubblicazione di un giallo a puntate (un capitolo a settimana), firmato dalla nostra collaboratrice Annamaria Porrino. Nel pieno stile dell'autrice, si tratta di un lavoro accattivante, ricco di atmosfere e spunti di riflessione, che siamo certi apprezzerete. Buona lettura…
    Tags: per, in, si, i
  • 48
    CAP. VII  Il pranzo di Aurore Anche se le sue camere mansardate sono vuote, Aurore si è alzata prima del solito. L’ansia di rivedere il suo Vincent e di impossessarsi di quel documento, l’ha tenuta sveglia quasi tutta la notte. Era da tanto che aspettava questo momento ma ora è…
    Tags: si, per, in, i
Pubblicato da nel 27 settembre 2014 alle ore: 8:40. Archiviato sotto Arte & Cultura. Puoi lasciare una risposta o trackback a questo articolo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>