Socialize

A volte ritornano: a teatro, tra jazz e risate

Print Friendly, PDF & Email
A volte ritornano Teatro Le Salette

A volte ritornano Teatro Le Salette

(di Emanuele Cellini) Inizia lo spettacolo con la Piva’s band che mostra l’affabilità del proprio repertorio Jazz, con note che aprono le danze ad un provino televisivo al quale dovrebbe presentarsi un presunto bel ragazzo biondo… Purtroppo – in realtà meglio così – sopraggiunge un gruppo “oldie” che si presenta come Trio Del Sotterfugio ( composto da “Zio Fester”, “Il Capitano” e “Mosè” ) il quale ci mostra “ un pezzo de ca..baret!”. I tre attori appaiono fin da subito padroni della scena che devono condividere con una giovane attrice, “Marta Jata”, la giovane del gruppo, grande intrattenitrice capace di dare quel qualcosa di fulgido allo show del trio nel momento in cui sembra giungere ad un punto opaco ed uniforme. Tutto calcolato probabilmente, ad ogni modo da ricordare. Di tanto in tanto una voce fuori campo, in puro stile radiotelevisivo, scambia battute con il “quartetto” che a sua volta elimina quella quarta parete che sarebbe presente in una rappresentazione teatrale sì, ma non in questo cabaret, pensato più come un teatro di piazza forse che come un vero e proprio spettacolo.

Si entra e si esce dalle quinte in continuazione e viene data la sensazione di una grande velocità, non in stile “Marinetti”, un continuo intrattenimento che lascia il pubblico di rado per concedere spazio a qualche brano cantato, il quale consente di attenuare per qualche minuto l’attenzione nei confronti degli attori e le loro continue battute. Per quanto riguarda il “sound” è da sottolineare il grande sostegno musicale della Band (Adriano Piva al Sax , Paolo Piva al Piano, Gianni Mori alla Chitarra, Michele Ciliberti al Basso e Mario Ricupero alla Batteria) che ci ha fatto ascoltare alcuni brani composti dallo stesso Adriano, senza i quali sarebbe stato sicuramente meno avvincente entrare a far parte di questo varietà.

Insomma grandi risate per questo Trio del fenomeno e la loro “Marta Jata” che in maniera mai monotona hanno reso gli spettatori quasi partecipanti e di certo mai annoiati, grazie ad un’esibizione semplice, tecnicamente parlando, che lascia spazio a dei climax crescenti di comicità ben montati, anche musicalmente. Ebbene “Zio Fester” ricordava al pubblico quanto i navigatori odierni facciano sbagliare strada alla gente, più che guidarla: questo spettacolo musicale però è di certo sulla giusta via. Non possiamo che attendere le date future della riproposizione della performance. Funziona davvero.

LA COMPAGNIA DEL DELFINO

A VOLTE RITORNANO

Regia di GIULIANO BARAGLI

Musica : PIVA’S BAND

Teatro “Le Salette”, 14.10.2014

Articoli che potrebbero interessarti

  • 76
    A margine della recensione sull’ultimo album del Pollock Project (Quixote, Tre Lune Records, Helikonia 2013), abbiamo l’occasione d’incontrare Marco Testoni. Questo il piacevole dialogo, abbastanza raro per un incallito intervistatore come il sottoscritto. Buona lettura. Immaginiamo di stare su un palco buio e tu sotto le luci di uno Spot.…
    Tags: è, non, in, l, per, più
  • 73
    Il Natale per me è Assisi. Ogni anno torno qui, da Chiara e Francesco, per camminare sugli stessi ciottoli su cui hanno poggiato i loro piedi scalzi. Ho bisogno di sentire l’aria di santità di quel Francesco che indossava un saio ruvido per farsi scorticare la pelle nuda e calzava…
    Tags: è, non, per, si, in, l, i, ci, come, più
  • 70
    CAP. XVI  Ferragosto a Cancale E’ ferragosto e io ho bisogno di una pausa, almeno un giorno senza il caso Pinard. Io e mia figlia ce ne andiamo a Cancale per mangiare le famose plates, le ostriche piatte. Per loro siamo pronte a subire la bolgia di questa serata di…
    Tags: è, si, non, l, per, in, ci, i, come
Pubblicato da nel 12 novembre 2014 alle ore: 8:34. Archiviato sotto Teatro. Puoi lasciare una risposta o trackback a questo articolo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>