Socialize

L’Amico ritrovato, nel giorno della Memoria

Print Friendly, PDF & Email
L'Amico ritrovato, nel giorno della Memoria

L'Amico ritrovato, nel giorno della Memoria

Il 30 gennaio 2015 alle ore 21, ad un anno dalla morte verrà ricordato al Teatro del Torrino Arnoldo Foà, voce narrante dello spettacolo “L’Amico Ritrovato” diretto da Luca Pizzurro e tratto dall’omonimo romanzo di Fred Ulhman, ambientato nella Stoccarda nazista del 1932. Il romanzo è incentrato sulla grande amicizia di due ragazzi adolescenti: Hans un ragazzo ebreo, interpretato da Giuliano Salandra e Kornadin, un ragazzo tedesco, di antica stripe ariana, interpretato da Guido Saudelli.  Quest’anno, per la prima volta, la madre di Hans sarà interpretata da Alessia Fabiani, già protagonista di successo di molti spettacoli teatrali diretti da Luca Pizzurro. Luca Pizzurro dirige questo spettacolo con totale maestria e professionalità regalando allo spettatore un finale a sorpresa, imprevedibile, trasmettendo una commozione profondissima. La voce fuori campo è quella di una persona ormai anziana, che racconta il suo ricordo, la nostalgia di una giovinezza tradita; come in un puzzle scomposto, dove tutti i pezzi man mano torneranno al loro posto, attraverso la musica, le canzoni e le immagini, fino ad arrivare ad avere un quadro chiaro di un mondo che, nella sua essenza, sfortunatamente, ancora non è del tutto lontano da noi. Un modo diverso per onorare il “Giorno della Memoria”, e che regala uno spiraglio di speranza, perché è possibile credere che i “figli” possano ricomporre ciò che i “padri” hanno diviso. Si tratta di uno spettacolo di grande valore sociale, di una rappresentazione artistica unica ed irripetibile, che emozionerà ma allo stesso tempo farà riflettere. Al termine dello spettacolo Daniel Della Seta ricorderà Arnoldo Foà, e il periodo delle leggi razziali in Italia.

Link utili
http://www.teatrodeltorrino.it/Home.html
Per prenotazioni e info tel. 338 8193001

Articoli che potrebbero interessarti

  • 65
    CAP. VII  Il pranzo di Aurore Anche se le sue camere mansardate sono vuote, Aurore si è alzata prima del solito. L’ansia di rivedere il suo Vincent e di impossessarsi di quel documento, l’ha tenuta sveglia quasi tutta la notte. Era da tanto che aspettava questo momento ma ora è…
    Tags: si, è, per, in, i, sua, non, l, suo
  • 61
    CAP. XVIII L’epilogo E’ una hall stile restaurazione. Accanto all’ingresso della sala da pranzo, una lavagnetta con su scritto a gessetto il menù del giorno : insalata di langoustine con pane di segale e burro salato, tartara di pesce, vino muscadet e tarte tatin per dessert. L’ispettore quest’oggi troverà consolazione…
    Tags: si, è, non, per, in, l, come, perché, sua
  • 60
    CAP. XVI  Ferragosto a Cancale E’ ferragosto e io ho bisogno di una pausa, almeno un giorno senza il caso Pinard. Io e mia figlia ce ne andiamo a Cancale per mangiare le famose plates, le ostriche piatte. Per loro siamo pronte a subire la bolgia di questa serata di…
    Tags: è, si, non, l, per, in, tutto, i, sua, come
Pubblicato da nel 28 gennaio 2015 alle ore: 11:43. Archiviato sotto Memorie,Teatro. Puoi lasciare una risposta o trackback a questo articolo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>