Socialize

Musicisti volontari per i campi palestinesi in Libano

Print Friendly, PDF & Email
Musicisti volontari per i campi palestinesi in Libano

Musicisti volontari per i campi palestinesi in Libano

Ulaia Artesud è alla ricerca di insegnanti musicisti volontari (periodo di permanenza almeno 1 mese) per progetto musicale nei campi profughi palestinesi del Sud Libano. Insegnanti di tromba, trombone, sassofono,clarinetto, flauto, chitarra, viola, violino, percussioni saranno ospitati nella foresteria di ULAIA a Tiro. Un'esperienza straordinaria e un'opportunità da non farsi mancare. ULAIA ArteSud è una onlus dedita ad attività a carattere artistico e sociale. Da anni è impegnata nei campi palestinesi in Libano e, soprattutto, ha avuto sempre particolare attenzione per le fasce più deboli come i minori. Il nostro giornale aveva dato conto in diretta, qualche anno fa, dello sbarco all'aereoporto di Ciampino dell'orchestra di cornamuse dei ragazzi palestinesi. Un'esperienza straordinaria replicata alcuni anni, poi interrotta per motivi chiaramente politici.

E' richiesta la conoscenza della lingua araba o inglese.
Per INFO scrivi ad associazione ULAIA  inviando curriculum e motivazioni.

SCARICA LA LOCANDINA

Articoli che potrebbero interessarti

  • 63
    A margine della recensione sull’ultimo album del Pollock Project (Quixote, Tre Lune Records, Helikonia 2013), abbiamo l’occasione d’incontrare Marco Testoni. Questo il piacevole dialogo, abbastanza raro per un incallito intervistatore come il sottoscritto. Buona lettura. Immaginiamo di stare su un palco buio e tu sotto le luci di uno Spot.…
    Tags: è, non, in, per, più
  • 55
    Intervista al musicista Nico Catacchio, in occasione dell'album The Second Apple, Fo(u)r 2012. Un album molto intenso e sentito il tuo.  Avremmo la tentazione di dire “quasi autobiografico”, intuendo qualcosa anche dai titoli dei brani… Io credo che sia arrivato di nuovo un momento storico in cui artisti, intellettuali e…
    Tags: è, in, non, per, come, più, i, ad
  • 54
    Melania Petriello, giovane giornalista, continua il suo percorso nel racconto della corruzione italiana: dopo la pubblicazione di  "Al mio Paese. Sette Vizi. Una sola Italia", libro edito da Edimedia, lo scenario si è allargato. Il libro ha preso le sembianze di un progetto più articolato, diventando altro, passando cioè attraverso…
    Tags: non, è, in, i, per, ragazzi, più
Pubblicato da nel 2 febbraio 2015 alle ore: 19:21. Archiviato sotto Politiche Culturali. Puoi lasciare una risposta o trackback a questo articolo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>