Socialize

Jakob Bro, tra toni ancestrali e incantati

Print Friendly, PDF & Email
Jacob Bro

Jacob Bro

Il 36enne chitarrista danese disegna in tinte rarefatte un habitat ormai ben noto ai cultori del Sound ECM, con uno sguardo attento ai contenuti armonici ed alle esigenze intimiste della Nuova Era, esibendo una qualità inventiva che si dipana in una ricerca dai toni ancestrali e incantati.
Il tocco sulla Sei Corde ricorda, in modo personale ed ingegnosamente artistico, i grandi maestri che, come Bill Frisell, hanno condotto la propria poliedricità in un ambito per così dire new age, ispirato ad una levità di fondo, ad una pulsazione impressionistica estremamente descrittiva, come nel raffinato ed avvolgente “Oktober”, pièce classicheggiante ed elegiaca nei contenuti emotivi levigati dalle risonanze del contrabbasso di Thomas Morgan e dallo scandire prezioso di uno dei più eleganti batteristi della scena mondiale , quel Jon Christensen già di un irripetibile trio di Keith Jarrett.
La fluida contemporaneità della tecnica (che non è mai tecnicismo) permette scelte sonore di grande agilità, melodie suggestive e misteriose (“White”e “Lyskaster”) seguendo, non sappiamo quanto volutamente, le articolazioni minimali del Brian Eno di “Music for Airports” ed i paradigmi “in punta di nota” di Michael Nyman; certamente, come rilevato dall’attenta critica anglosassone, l’evocazione complessiva rimanda al “quieto fervore” di John McLauglin di “In a Silent Way”(1969) quando Miles Davis rimase così impressionato dopo una sola sera d’ascolto da volerlo in sala d’incisione il giorno dopo.
Riteniamo che i processi di registrazione e di produzione delle tracce siano una magnifica intuizione di Manfred Eicher, che in simili scelte raramente erra, forme non stereotipate di una sperimentazione che trascenda il codice dei generi musicali perché ciò che è bello ed immediato non ha mai bisogno di definizioni, e nemmeno di confini stilistici.

Jakob Bro
Gefion
ECM 2015, distribuzione Ducale

Track Listing: Gefion; Copenhagen; And They All Came Marching Out Of The Woods; White; Lyskaster; Airport Poem; Oktober; Ending.
Personnel: Jakob Bro: guitar; Thomas Morgan: double bass; Jon Christensen: drums.

Articoli che potrebbero interessarti

  • 56
    A margine della recensione sull’ultimo album del Pollock Project (Quixote, Tre Lune Records, Helikonia 2013), abbiamo l’occasione d’incontrare Marco Testoni. Questo il piacevole dialogo, abbastanza raro per un incallito intervistatore come il sottoscritto. Buona lettura. Immaginiamo di stare su un palco buio e tu sotto le luci di uno Spot.…
    Tags: è, non, in
  • 55
    Roberto Magris, l'intervista. “One night in with hope and more…vol.1”: iniziamo dal tuo penultimo album. Un album all’impronta dell’eleganza, ancora una volta, e ancora una volta dedito alla lettura di pentagrammi magici dei maggiori interpreti di un jazz che ami profondamente…. E’ vero: sono il primo ad amare le cose…
    Tags: è, in, non, ed, come
  • 53
    Intervista al musicista Nico Catacchio, in occasione dell'album The Second Apple, Fo(u)r 2012. Un album molto intenso e sentito il tuo.  Avremmo la tentazione di dire “quasi autobiografico”, intuendo qualcosa anche dai titoli dei brani… Io credo che sia arrivato di nuovo un momento storico in cui artisti, intellettuali e…
    Tags: è, in, non, come, i, ad
Pubblicato da nel 3 aprile 2015 alle ore: 0:37. Archiviato sotto Musica. Puoi lasciare una risposta o trackback a questo articolo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>