Socialize

Jack DeJohnette, sorprendente live Made in Chicago

Print Friendly, PDF & Email
Jack DeJohnette

Jack DeJohnette

Grande improvvisatore ed agitatore di stili, il batterista di Chicago non perde mai occasione per fondere le tante nuove direzioni del Jazz in performance di assoluta creatività, scegliendo sempre formazioni di eccellente spessore e quanto mai adeguate alla propria necessità di esplorare sonorità spinte al massimo, lanciate in un tono conversativo tanto sperimentale quanto attento alle intime evoluzioni dell’interplay.
Il “live” è lo strumento necessario per realizzare lo spazio scenico della sua concezione di Musica, ideato secondo trasferimenti cromatici intensi e strutturati, flussi centrifughi Afro che intersechino il Blue metropolitano ed un Minimalismo dai toni bruni e visionari che esplori la profondità espressiva di ogni strumento, nella fattispecie soprattutto le “pelli” della batteria ed il legno acidulo e risonante del contrabbasso e del violoncello di Larry Gray, come in “Jack 5”.
La ricerca è portata ad un’intensità libera avvertibile non solo dalle movenze ispirate a Karlheinz Stockhausen e Anton Webern ma anche dall’originale embrionalità di un’Estetica volta ad un Free transcodificato in una Metamorfosi più ampia, orientato verso una pulsazione che da Debussy e dal pianismo colto e lirico di Muhal Richard Abrams (“Museum of Time”) giunga alla Volontà assoluta di un Groove collettivo e magnetico (“Ten Minutes”).
Opera Aperta, grazie anche alle costruttive presenze di Henry Threadgill al sax alto ed al flauto basso e di Roscoe Mitchell, Gran Maestro del Sopranino e di ogni Ottone.
Un atto perfettamente contrario alla cerebrale Pianificazione sul Razionalismo dell’Arte, un Omaggio a chi non intuisce, mai, alcuna crisi col Linguaggio Naturale.

Jack DeJohnette
Made in Chicago
ECM 2014, distribuzione Ducale

Jack DeJohnette, drums
Muhal Richard Abrams, piano
Larry Gray, cello, acoustic bass
Roscoe Mitchel, alto saxophone, bass recorder, soprano saxophone
Registrato al Chicago Jazz Festival, Agosto 2013
1.Chant
2.Jack 5
3.This
4.Museum of Time
5. Leave Don’t Go Away
6. Ten Minutes

Articoli che potrebbero interessarti

  • 49
    Roberto Magris, l'intervista. “One night in with hope and more…vol.1”: iniziamo dal tuo penultimo album. Un album all’impronta dell’eleganza, ancora una volta, e ancora una volta dedito alla lettura di pentagrammi magici dei maggiori interpreti di un jazz che ami profondamente…. E’ vero: sono il primo ad amare le cose…
    Tags: è, in, non, per, jazz, ed, come
  • 48
    A margine della recensione sull’ultimo album del Pollock Project (Quixote, Tre Lune Records, Helikonia 2013), abbiamo l’occasione d’incontrare Marco Testoni. Questo il piacevole dialogo, abbastanza raro per un incallito intervistatore come il sottoscritto. Buona lettura. Immaginiamo di stare su un palco buio e tu sotto le luci di uno Spot.…
    Tags: è, non, in, per, più
  • 42
    Intervista al musicista Nico Catacchio, in occasione dell'album The Second Apple, Fo(u)r 2012. Un album molto intenso e sentito il tuo.  Avremmo la tentazione di dire “quasi autobiografico”, intuendo qualcosa anche dai titoli dei brani… Io credo che sia arrivato di nuovo un momento storico in cui artisti, intellettuali e…
    Tags: è, in, non, per, musica, come, più, ad
Pubblicato da nel 6 aprile 2015 alle ore: 0:43. Archiviato sotto Musica. Puoi lasciare una risposta o trackback a questo articolo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>