Socialize

Molto rumore per nulla, tra ironia e tragedia

Print Friendly, PDF & Email
Molto rumore per nulla

Molto rumore per nulla

(di Emanuele Cellini) L’ultimo appuntamento offerto dal Teatro Arcobaleno per questa prima metà dell’anno, ricalca perfettamente il giusto mix fra tetra ironia e tragicommedia che il celebre scrittore dell’opera avrebbe desiderato.
Con una scenografia giustamente molto semplice e mai macchinosa, gli attori inizialmente appaiono e scompaiono velocemente, quasi sfrecciando dal palco alle quinte: questo consente agli spettatori di dare maggiore importanza agli esilaranti ed insensati pettegolezzi amorosi che si fanno pian piano strada nel corso dell’opera.
Tra oscuri inganni, buffe coincidenze e trovate amorose inusuali, la relazione che spicca è quella tra Benedetto e Beatrice, quest’ultima interpretata da una brava e giovane Laura Garofoli che, di fronte al più conosciuto e molto più esperto Mauro Mandolini ( Benedetto ), riesce a mantenere un’ottima generosità scenica dando vita assieme al collega a spassosi e talvolta grotteschi siparietti.
Sia la regia che l’adattamento di Laura Testoni sono congegnati con grande precisione, mantenendo comunque quella fluidità scenica essenziale per questo ennesimo eterno scritto di W. Shakespeare, il quale non avrebbe che apprezzato.
Il pubblico si diverte, gli attori tutti bravi, messinscena, luci ben settate, tutto funziona!
Una bella rappresentazione per tutti, interessante e sempre divertente.
Come scrisse il poeta in quest’opera: “Ritengo che non ci sia viso più sincero di quello che si sa lavare con il pianto. E quanto è  meglio piangere di gioia, piuttosto che godere nel vedere gli altri piangere”.

Teatro Arcobaleno in Roma
MOLTO RUMORE PER NULLA
di William Shakespeare
adattamento e regia: Ilaria Testoni
con Mauro Mandolini, Barbara Logaglio, Laura Garofoli, Camillo Marcello Ciorciaro, Susanna Lauletta, Valerio Camelin, Roberto Di Marco, Virginia Arveda, Paolo Benvenuto Vezzoso

Articoli che potrebbero interessarti

  • 60
    Il Natale per me è Assisi. Ogni anno torno qui, da Chiara e Francesco, per camminare sugli stessi ciottoli su cui hanno poggiato i loro piedi scalzi. Ho bisogno di sentire l’aria di santità di quel Francesco che indossava un saio ruvido per farsi scorticare la pelle nuda e calzava…
    Tags: è, non, per, si, in, l, ci, come, più, tutto
  • 58
    A margine della recensione sull’ultimo album del Pollock Project (Quixote, Tre Lune Records, Helikonia 2013), abbiamo l’occasione d’incontrare Marco Testoni. Questo il piacevole dialogo, abbastanza raro per un incallito intervistatore come il sottoscritto. Buona lettura. Immaginiamo di stare su un palco buio e tu sotto le luci di uno Spot.…
    Tags: è, non, in, l, per, più
  • 54
    CAP. XVI  Ferragosto a Cancale E’ ferragosto e io ho bisogno di una pausa, almeno un giorno senza il caso Pinard. Io e mia figlia ce ne andiamo a Cancale per mangiare le famose plates, le ostriche piatte. Per loro siamo pronte a subire la bolgia di questa serata di…
    Tags: è, si, non, l, per, in, ci, tutto, come
Pubblicato da nel 1 giugno 2015 alle ore: 13:52. Archiviato sotto Spettacolo,Teatro. Puoi lasciare una risposta o trackback a questo articolo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>