Socialize

Paypal, spin off in stile Gekko Gordon

Print Friendly, PDF & Email
Paypal, spin off in stile Gekko Gordon

Paypal, spin off in stile Gekko Gordon

La miglior difesa è l'attacco, frase che contrariamente a quanto qualcuno potrebbe pensare non è stata pronunciata per la prima volta da Arrigo Sacchi ma appartiene alla notte dei tempi dell'arte militare. E probabilmente proprio a queste parole Dan Schulman, CEO di Paypal, (Link 1) deve aver pensato mettendo a punto la strategia della sua azienda, al momento ancora leader nel settore dei pagamenti via Internet, dopo lo spin of da E-Bay, la società che l'aveva acquistata nel 2002 per renderla il cuore del proprio sistema di vendita rateale. E in effetti non si può dire che in questi anni E-Bay non sia stata ampiamente ripagata dall'acquisto. Un acquisto talmente centrato che mentre il sito di vendita rateale presidia oggi un settore ormai maturo e nel quale per questo i margini di crescita si riducono sempre più, Paypal è al centro della più dinamica e ricca branca dei pagamenti elettronici, con crescita doppia quando appena si cominciava a parlare (Link 2) di spin off ma aumentata ulteriormente nel momento in cui la società fondata da Thiel e Levchin è tornata autonoma aprendosi a 360 gradi al mercato. Libera, quindi, di allearsi con chiunque sia necessario per sfruttare al meglio le possibilità della prossima gallina dalle uova d'oro, i pagamenti in mobilità, cioè effettuati via cellulare o tablet. Che sia questo il trend più in crescita, nel prossimo futuro, appare chiaro perfino in Italia, di solito restia ad adeguarsi in tempo alle innovazioni. Qui da noi (Link 3 e 4) le previsioni parlavano e parlano chiaro, e annunciano una rivoluzione che porterà a una trasformazione delle abitudini di acquisto di tale portata da mettere in pericolo l'esistenza stessa delle banche, almeno come lo conosciamo oggi (Link 5), soprattutto a causa dei comportamenti dei millenials (Link 6). Ed a proposito ecco un link che disegna alcuni dei possibili trend del prossimo periodo (Link 7). Ecco quindi che di fronte a questa ennesima rivoluzione tecnologica era quanto mai necessario avere un brand libero da vincoli di parentela ingombranti, in grado di stringere accordi con tutti, perfino, per dirla tutta, con Alibaba (Link 9), principale rivale di E-Bay. Eppure nonostante tutti questi elementi, la decisione di separare E Bay e Paypal è stata al centro di una vera e propria battaglia interna al sito di vendita rateale. Una battaglia che ha lasciato sul terreno vittime illustri, fra le quali John Donahoe, Ceo di E Bay, strenuo oppositore dello spin off, costretto ad annunciare le dimissioni dopo aver definitivamente perso lo scontro. Dall'altra parte, a trionfare è stato Carl Icahn, azionista di grande peso in Paypal nonché famoso per aver ispirato il Gekko Gordon di Wall Street, film di Olivier Stone. Icahn ha spinto per lo spin off divisione anche in base a una sua teoria secondo la quale il mercato nel prossimo futuro premierà soprattutto le aziende di piccole dimensioni, agili e per questo capaci di muoversi con velocemente per assecondare un mercato in perenne fibrillazione e mutamento (Link 9).
In quella che ai più può apparire una grande confusione, per fortuna di Paypal chi sembra avere le idee chiare è Dan Schulman. Il nuovo Ceo ha approfittato di un media event organizzato dalla sua azienda a S. Francisco per annunciare i suoi programmi (Link 10): rendere Paypal in una piattaforma capace di veicolare pagamenti in mobilità indipendentemente dal device.  Per raggiungere questo obiettivo Schulman ha, fra l'altro, annunciato di aver integrato alla sua piattaforma il servizio OneTouch (Link 11), grazie al quale sarà possibile procedere all'acquisto, se lo si desidera, con un solo click, fatto sull'apposito bottone, senza dover digitare le proprie credenziali. È, questa, una novità particolarmente importante, visto che uno dei limiti maggiori del brand era proprio quello di costringere gli acquirenti non solo a fornire sempre almeno la password, ma addirittura di portarli fuori dal sito dove stavano effettuando l'acquisto. E sappiamo bene che proprio quest'ultimo passaggio danneggiava particolarmente l'esperienza d'acquisto tramite Paypal. Staremo a vedere. Certo è che la sfida è lanciata e che i concorrenti non solo sono più che mai agguerriti, ma si chiamano Apple, Samsung e da pochissimo anche Google, che ha appena sostituito il suo datato Google Wallet con un servizio molto più efficiente denominato Google Pay (Link 12). La battaglia si annuncia dura (Link 13), particolarmente nel nostro paese, dove il garante per la privacy si è già mosso per dettare le regole del settore dei pagamenti in mobilità (Link 14). Sempre che Gekko Gordon non abbia in mente l'ennesima delle sue azioni di raider e il progetto non fosse limitato allo spinf off di Paypal da E Bay ma prevedesse dall'inizio di far crescere il valore della piattaforma di pagamento per rivenderla poi a caro prezzo, magari proprio ad Albaba, che potrebbe aver bisogno di una testa di ponte efficace in vista di uno sbarco in occidente. Inutile dire se il progetto fosse questo e dovesse riuscire, le plusvalenze per Icahn sarebbero, bè, a quanti zeri potrebbero essere? Fate voi, ma mettetene comunque tanti. Ma proprio tanti tanti.

1) http://it.wikipedia.org/wiki/PayPal
2) http://smartmoney.startupitalia.eu/19881/pagamenti-mobili/paypal-arrivato-il-momento-staccarsi-ebay/
3) http://www.datamanager.it/2015/02/pagamenti-in-mobilita-smartphone-supera-portafoglio/
4) http://www.economyup.it/innovazione/2195_pagamenti-e-acquisti-in-mobilita-continuano-a-crescere--55.htm
5) http://www.linkerblog.biz/2014/12/23/i-millennials-hanno-gia-condannato-i-dinosauri/
6) http://it.wikipedia.org/wiki/Generazione_Y
7) http://www.banktech.com/payments/5-things-to-expect-in-mobile-payments-in-2015/d/d-id/1318300
8) http://investorplace.com/2015/05/paypal-spinoff-ebay-stock/#.VWyS2UYYNIw
9) http://www.linkiesta.it/perche-ebay-vende-paypal
10) http://mashable.com/2015/05/21/paypal-president-universal-platform/
11) http://www.macitynet.it/paypal-lancia-il-suo-pagamento-immediato-one-touch-anche-sul-web/
12) http://www.panorama.it/mytech/smartphone-tablet/apple-pay-android-pay-samsung-pay-differenze/
13) https://451research.com/images/Marketing/press_releases/04.21.15_Mobile_Payments_PR.pdf
14) http://www.mysolutionpost.it/archivio/fisco-e-societ%C3%A0/2014/01/transazioni-online.aspx

Articoli che potrebbero interessarti

  • 77
    A margine della recensione sull’ultimo album del Pollock Project (Quixote, Tre Lune Records, Helikonia 2013), abbiamo l’occasione d’incontrare Marco Testoni. Questo il piacevole dialogo, abbastanza raro per un incallito intervistatore come il sottoscritto. Buona lettura. Immaginiamo di stare su un palco buio e tu sotto le luci di uno Spot.…
    Tags: è, non, in, per, più
  • 72
    Alzi la mano chi non ha mai provato la forte tentazione di mandare a quel paese il proprio operatore telefonico. Disservizi, servizi attivati e mai richiesti, bollette contestate e nessuna disponibilità al dialogo ma al contrario arroganza degli operatori che però, come si sa, non rispondono a proprio piacimento ma…
    Tags: non, per, in, si, è, nel, proprio, dei, link, più
  • 72
    Questo nuovo Concerto Grosso sembra essere una tela d’atmosfere verso un mondo di idee alternative, distinto da una sana e seria ricerca su tutto ciò che si muove nell’ambito della cultura musicale contemporanea. Guardandoci intorno, quantifichiamo i corsi ed i ricorsi di apprendimento rapido, talora distorto , del Progressive più…
    Tags: per, in, non, nel, è
Pubblicato da nel 5 giugno 2015 alle ore: 5:46. Archiviato sotto Innovazione,Politiche Culturali. Puoi lasciare una risposta o trackback a questo articolo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>