Socialize

Le Partenze di Massimo Donno

Print Friendly, PDF & Email
Massimo Donno

Massimo Donno

Quando si immaginano Partenze a rapire la Mente non è tanto l’Arrivo quanto il Percorso, poiché il vero senso del Lasciarsi Dietro è la necessità del Viaggio, che è l’essenza stessa dell’Itinerario che si sceglie o, meglio, che ci si trova ad affrontare nell’immensa casualità delle scelte che i tanti colori del Mondo lasciano alla nostra, semplicissima, natura emotiva.
Complici le Nuances World di Riccardo Tesi (De André, Fossati, GianMaria Testa, Gabriele Mirabassi, Patrick Vaillant) e la collaborazione di noti musicisti dello scenario creativo italiano (evviva…), l’Iter di Massimo Donno è fatto di parole umane di Stupore e di Attese, di “strada che sia viaggio e l’arrivo un tornare”, di memorie a cornice di malinconie e grafie liriche e solarità disperse, in una pulsione sonora che coglie gli aromi del Mediterraneo ed i minimali dell’Oriente nei profumi marini del Nordafrica, cantando a voce lieve storie d’oggi di chi perde una Terra in cerca di altre Terre (“Vento e Polvere”) , di chi “vende idee in un mercato di marionette” (“Tienimi la mano”), di chi sente d’essere “l’esatto opposto, una stagione buia, uno spirito scomposto” (“Attimi”) ma che “giunto al capolinea con un sorriso a galla…risale sul treno e la vita riparte dalla linea gialla di un binario” (“Binario”).
Non c’è che dar ragione al nostro compagno d’avventura, che divaga con candida disinvoltura i refoli di naturalezza dell’ Esser Cantautore diverso dal consueto.
Come dire? Quando si sogna, si sogna davvero…

Massimo Donno
Partenze
Visage Music 2014
Distribuzione Materiali Sonori

Massimo Donno – voce, chitarra acustica e classica; composizioni (1, 6,10 con Riccardo Tesi)
Riccardo Tesi – organetto
Marco Rollo – pianoforte, Fender Rhodes
Stefano Rielli- contrabbasso
Francesco Pellizzari – batteria, percussioni
Roberto Chiga - percussioni
Emanuele Coluccia – sax alto, soprano, tenore; tromba; clarinetto
Andrea Doremi – trombone, susafono
Valerio Daniele – chitarra elettrica
Giulio Bianco – zampogna
Redi Hasa – violoncello
Michele Marino -  clarinetto
Maurizio Geri – chitarra acustica e chitarra battente
Vincenzo Zitello – arpa
Stefano Saletti – chitarra elettrica, oud
Gigi Biolcati – percussioni, batteria
Carla Petrachi – cori
Alessia Tondo – cori
Katerina Polemi- cori
Vincenzo Maggiore - cori
1.Vento e polvere
2.Partenze
3.Tienimi la mano
4.La grande abbuffata
5.Attimi
6.Orazione
7.Passi
8.Il mio matrimonio (L’Amore ai tempi del mutuo)
9.Fontane di suoni
10.La salita
11.La grande abbuffata – Atto II
12.Binario

Articoli che potrebbero interessarti

  • 46
    Il Natale per me è Assisi. Ogni anno torno qui, da Chiara e Francesco, per camminare sugli stessi ciottoli su cui hanno poggiato i loro piedi scalzi. Ho bisogno di sentire l’aria di santità di quel Francesco che indossava un saio ruvido per farsi scorticare la pelle nuda e calzava…
    Tags: è, non, si, in, l, i, ci, come, gli
  • 44
    CAP. XVI  Ferragosto a Cancale E’ ferragosto e io ho bisogno di una pausa, almeno un giorno senza il caso Pinard. Io e mia figlia ce ne andiamo a Cancale per mangiare le famose plates, le ostriche piatte. Per loro siamo pronte a subire la bolgia di questa serata di…
    Tags: è, si, non, l, in, ci, i, come
  • 43
    CAP . II   I quartieri parigini e il Louvre E’ da un  po’ che la finestra della mia camera ci prova a farmi svegliare. Mi sta sbattendo in faccia una luce intensa così da infastidirmi e farmi lasciare il letto, ma io faccio finta di niente e ficco la…
    Tags: in, è, si, non, l, i, dal, come
Pubblicato da nel 17 giugno 2015 alle ore: 0:43. Archiviato sotto Musica. Puoi lasciare una risposta o trackback a questo articolo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>