Socialize

Cyminology, l’incanto della voce di Cymin Samawatie

Print Friendly, PDF & Email
Phoenix, Cymin Samawatie

Cyminology, Cymin Samawatie

Suoni ed immagini visionarie per una vocalità estesa ad una perfezione musicale assolutamente istintiva ed al di là di qualunque confine geoculturale. Il significato più esatto di ogni sillaba intonata vive in una sorta di “parlar cantando” che richiama suoni ancestrali e maturità espressive che dal Medio Oriente incontrano venature di modernismo europeo novecentesco, in costante movimento per un’eccellente idea di fondo: enucleare la Melodia in uno Stile armonicamente raffinato, legato sia al mondo delle Blue Notes quanto a quello tracciato dall’ Aleatoria di Bruno Maderna e Sylvano Bussotti, dal Concretismo di Pierre Henry e dalla Micropolifonia di Gyorgy Ligeti, attraversando le ispirazioni extrajazzistiche di Charles Mingus e di Lenny Tristano, tradotte nel Serialismo di Arnold Schönberg (“Aaftaab”, “Che Gune Ast””, “Gozaraan”).

Il background cromatico della vocalist iraniana persegue un intento alchemico e “incantatorio”, vero fil rouge di un album sentito per tempi pensosi, per fraseggi tenui e sognanti, sostenuti dal pianismo lirico di Jahnel e dalla fuggevole mobilità della viola di Stegner, movenze di confine dipinte dagli intrecci di una ritmica fine ed avvolgente.

L’abilità con la quale Cymin Samawatie crea dalla propria voce uno strumento dotato di ampia estensione origina una sottile quantità di colori e possibilità melodiche che possono davvero meravigliare: i temi cantati suggeriscono quadri contrappuntistici nei quali i solisti tessono risonanze crescenti d’un virtuosismo innovativo per sogni antichi, energie telepatiche, magie trasfigurate in un Infinto di attento interesse compositivo e di assoluta piacevolezza.

Cymin Samawatie / Cyminology

Phoenix

ECM 2015, Distribuzione Ducale

Cymin Samawatie (vocals), Benedikt Jahnel (piano), Ralf Schwarz (double bass), Ketan Bhatti (drums, percussion), Martin Stegner (viola)

  1. Aaftaab
  2. Che Gune Ast
  3. Baraaye Ranj
  4. Gozaraan
  5. Harire Buse
  6. Talaash Makon
  7. Dishab
  8. Phoenix Part 1
  9. Phoenix Part 2
  10. Baraaye To

Articoli che potrebbero interessarti

  • 35
    Intervista a Francesco Cataldo, in occasione del suo album Spaces (leggi la recensione) Qual è il significato del titolo che hai scelto per il tuo album? L’ idea di “Spaces”, in questo caso “spazi sonori”, mi ha sempre affascinato sin da quando ho cominciato a comporre. “Spazi” significa dare, donare…
    Tags: in, per, l, ed, i, delle
  • 34
    Cari lettori, inizia oggi una piccola, nuova avventura per 4ARTS: la pubblicazione di un giallo a puntate (un capitolo a settimana), firmato dalla nostra collaboratrice Annamaria Porrino. Nel pieno stile dell'autrice, si tratta di un lavoro accattivante, ricco di atmosfere e spunti di riflessione, che siamo certi apprezzerete. Buona lettura…
    Tags: per, in, l, i
  • 33
    CAP . II   I quartieri parigini e il Louvre E’ da un  po’ che la finestra della mia camera ci prova a farmi svegliare. Mi sta sbattendo in faccia una luce intensa così da infastidirmi e farmi lasciare il letto, ma io faccio finta di niente e ficco la…
    Tags: in, per, l, i, dal
Pubblicato da nel 6 luglio 2015 alle ore: 0:08. Archiviato sotto Musica. Puoi lasciare una risposta o trackback a questo articolo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>