Socialize

‘Grande Fortuna in Bhutan’, la spiritualità all’Isola del Cinema

Print Friendly, PDF & Email
'Grande Fortuna in Bhutan', il Dalai Lama all'Isola del Cinema

'Grande Fortuna in Bhutan' all'Isola del Cinema

Venerdì 17 luglio prossimo L’Isola del Cinema di Roma proporrà in anteprima assoluta Grande Fortuna in Bhutan di Matteo dell’Angelo e Tania Khodaviska, un affascinate road movie sul pellegrinaggio del grande maestro tibetano Chogyal Namkhai Norbu in Bhutan. Una terra con la quale Norbu ha un profondo legame spirituale, essendo stato riconosciuto come la reincarnazione di Shabdrung Ngawang Namgyal (1564-1651), primo Dharmaraja del Bhutan. Dopo essere atterrati a Paro, uno degli aeroporti più pericolosi del mondo, Namkhai Norbu e i suoi discepoli percorreranno l’intero paese, attraversando antichi ponti di ferro, fiumi e valli alla scoperta di templi segreti, monasteri e incantati eremi montani. Durante questo racconto di viaggio lo spettatore sarà immerso nella realtà magica e meravigliosa del Bhutan e scoprirà uno dei paesi più interessanti e attraenti del mondo, dove la cultura antica buddhista è conservata intatta, insieme al paesaggio e alle tradizioni secolari.

VENERDì 17 LUGLIO- CINELAB ORE 20.45 - regista presente in sala – ingresso libero
DOCUMENTARIO “Grande Fortuna in Bhutan” di Matteo dell’Angelo e Tania Khodaviska – USA 2015- 47’

In anteprima assoluta

Articoli che potrebbero interessarti

  • 40
    La sensazione che d’immediato si riceve all’ascolto di questo Trio è un misurato clima espressivo, il Vedere e l’Incontrare la fluidità dell’esecuzione, l’originale immaginazione del testo musicale, la circolarità degli intenti diffusi in atmosfere fra Novecentismo, Mediterraneo, Nuevo Tango ed altri riferimenti Blue, toni leggeri e segni di un Neoromanticismo…
    Tags: in, dell, l, più
  • 39
    Si dice che Ornette Coleman, dopo aver iniziato il leggendario concerto alla Fairfield Hall di Croydon con una composizione per quintetto a fiati, svelò finalmente il suo approccio anticonvenzionale al violino e alla tromba in un brano, “Falling Stars”, in cui i due “oggetti” sono usati assai efficacemente come macchie…
    Tags: in, l, più
  • 38
    (di Fabiana Francescangeli) Il periodo che va da Nerva (96-98 d.C.) a Marco Aurelio (161-180), venne considerato nel ricordo e nella tradizione degli antichi, il più felice dell’impero romano. Ancora nei panegirici pronunciati davanti a Costantino (306-337 d.C.), elogio d’obbligo sarà paragonare il suo governo a quello di Traiano optimum…
    Tags: in, dell, l, più
Pubblicato da nel 15 luglio 2015 alle ore: 15:44. Archiviato sotto Cinema. Puoi lasciare una risposta o trackback a questo articolo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>