Socialize

Embryo, emozione primitiva

Print Friendly, PDF & Email
Embryo

Embryo

Descritta da una cover liquida quale “immagine dell’intenzione”, la performance Embryo evoca un’emozione primitiva nella quale si muovono 12 percezioni elettroniche e minimaliste, allegorie di suoni che per brevità definiremo “ambient” ma che, per struttura e portanza cromatica, trascendono i limiti di genere per la pura Astrattezza delle atmosfere e dell’immediatezza lirica, assolutamente al di fuori di ogni schema banalmente New Age e Chillout. Le intuizioni sembrano trarre ispirazione da un universo onirico privo di obblighi descrittivi e di formalismi neomelodici, fasi di una felice interattività compositiva e di una abilità espositiva pervasa tanto di riferimenti tribali (“Baka”) quanto di parallelismi meditativi (“Harsha pt.1”) e di approfondimenti tematici distinti da una grafia lisergica ed intima (“Drownin’”).
L’entourage della giovane casa discografica appare portavoce di una cultura millenaria, ricca di tradizioni antiaccademiche e cerimoniali “magici” che documentano passaggi jazzistici (“Soulswing”), contesti DJ Set (“The Green Clockwork”), citazioni in stile This Mortal Coil/Cocteau Twins/Tim Buckley (“Here to Be”), forme acide e distorte alla Robert Fripp (“Harsha pt.2”) e serialismi che dal Fluxus di LaMonte Young e dallo spirito taoista di Brian Eno creano “sustained notes” notturne ed ancestrali (“Outro”).
Embryo è una realtà di fusioni stilistiche nelle quali l’eco del dualismo tradizione-modernità viene trasformata da elettricità vibranti in un  disegno surreale di grande fascino, coniando una simbiosi d’intenti tra musicisti nuovi che pensano ad un linguaggio universale come negazione degli stereotipi e dell’immutabilità dell’ascolto.

Embryo
Twenty Wax Records, 2015
1.ΔAO - Drownin' 04:37
2. Pho - Faber 02:20
3.Matteo - Night Vision 03:28
4.Amen - Baka 03:17
5.Pho - Harsha Pt.1 05:32
6.SmoothBeats - Soulswing 04:53
7. Amen - Feel 04:44
8.Dalo - The Green Clockwork 06:43
9.Whattsun - Now & Zen 04:14
10.ΔAO - Here To Be 03:43
11.Pho - Harsha Pt. 2 06:02
12.Amen, Pho & SmoothBeats - Outro 04:27

Articoli che potrebbero interessarti

  • 50
    Intervista a Francesco Cataldo, in occasione del suo album Spaces (leggi la recensione) Qual è il significato del titolo che hai scelto per il tuo album? L’ idea di “Spaces”, in questo caso “spazi sonori”, mi ha sempre affascinato sin da quando ho cominciato a comporre. “Spazi” significa dare, donare…
    Tags: in, per, è, si, l, ed, i, come, delle
  • 48
    Cari lettori, inizia oggi una piccola, nuova avventura per 4ARTS: la pubblicazione di un giallo a puntate (un capitolo a settimana), firmato dalla nostra collaboratrice Annamaria Porrino. Nel pieno stile dell'autrice, si tratta di un lavoro accattivante, ricco di atmosfere e spunti di riflessione, che siamo certi apprezzerete. Buona lettura…
    Tags: per, in, si, è, l, i
  • 48
    CAP . II   I quartieri parigini e il Louvre E’ da un  po’ che la finestra della mia camera ci prova a farmi svegliare. Mi sta sbattendo in faccia una luce intensa così da infastidirmi e farmi lasciare il letto, ma io faccio finta di niente e ficco la…
    Tags: in, per, è, si, l, i, dal, come
Pubblicato da nel 29 luglio 2015 alle ore: 0:42. Archiviato sotto Musica. Puoi lasciare una risposta o trackback a questo articolo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>