Socialize

Mutui Surroga: cosa si intende e quando conviene?

Print Friendly, PDF & Email
Mutui Surroga: cosa si intende e quando conviene?

Mutui Surroga: cosa si intende e quando conviene?

Se analizziamo lo storico del mercato immobiliare italiano possiamo notare due fasi principali che hanno caratterizzato gli ultimi 15/ 20 anni. C’è stata una prima fase, conclusasi grosso modo nel 2007 che ha visto letteralmente esplodere il mercato del mattone e che, complice l’introduzione della nuova moneta unica, ha portato quasi ad un raddoppio dei prezzi degli immobili, soprattutto nelle grandi città. Al contrario dal 2008 in poi si è assistiti ad una lenta e continua discesa delle richieste di acquisto e quindi anche delle vendite di case, sia di quelle nuove sia di quelle che già avevano un proprietario. Nel frattempo è accaduto che molti di quei mutui stipulati per gli acquisti di case effettuati prima del 2008 siano oggi diventati insostenibili, perché effettivamente contratti in condizioni di mercato notevolmente più svantaggiose rispetto a quelle di oggi. Chi infatti a suo tempo ebbe la lungimiranza di sottoscrivere un mutuo a tasso fisso, che poi si è rivelato essere il più “sicuro”, si ritrova comunque con degli spread altissimi rispetto agli attuali; chi invece, evidentemente mal consigliato dalla propria banca, ha sottoscritto a suo tempo un mutuo a tasso variabile oggi forse respira un po’ ma negli anni scorsi, di pari passo con le oscillazioni dello spread, è stato posto a stress finanziari notevoli. Ecco quindi che tutta quella “generazione” di acquirenti che ha contratto mutuo prima del 2008-2009 si ritrova ora a valutare l’opportunità di una “surroga” del proprio debito. Di cosa si tratta? Quello della surroga è un istituto definito dall’articolo 1202 del Codice Civile il quale in pratica prevede che un mutuo possa essere estinto se un istituto finanziario terzo si prende in carico il debito del debitore verso il creditore, diventando in questo modo il nuovo creditore definitivo. Le surroghe hanno vissuto negli ultimi tempi una forte espansione non solo in seguito alle fasi economiche prima descritte ma anche (e forse soprattutto) perché a partire dal 2007 con il Decreto Bersani, sono diventate a costo zero per il debitore, non essendo più previste penali a suo carico.
Per conoscere vantaggi e svantaggi relativi alle surroghe, o per testarne le condizioni rispetto alla propria situazione debitoria può essere utile dare un’occhiata a quei portali online specializzati nella comparazione di mutui come alla pagina www.facile.it/mutui-surroga.html, dove sarà possibile trovare informazioni dettagliate rispetto a tale strumento finanziario. Volendo però semplificare proviamo a rispondere a queste tre domande: quando conviene una surroga? Quando non conviene? Quali sono le alternative (se ce ne sono)? Rispondiamo innanzitutto alla prima domanda dicendo che la surroga conviene quando il debitore ha la possibilità di trovare un’altra banca o istituto finanziario che si prenda in carico la parte restante di mutuo con condizioni migliori rispetto alla banca o istituto finanziario di provenienza. Allo stesso tempo la surroga diventa non più conveniente o nel caso contrario oppure se si ha bisogno di un nuovo finanziamento superiore al debito residuo con la banca o istituto finanziario di provenienza; in questo caso la legge prevede che non sia possibile accedere allo strumento della surroga.
Fatte queste prime valutazioni può accadere che o effettivamente si scopre che la surroga è una soluzione conveniente e fattibile, oppure no. In questo secondo caso esiste ancora una via d’uscita che è la “rinegoziazione del debito”. In pratica il mutuo non viene più spostato verso una nuova banca, viene mantenuto in quella originaria, con la quale però si avvia una trattativa che miri a modificare le condizioni originali del mutuo, ovviamente cercando di trovarne di nuove che siano maggiormente favorevoli per il debitore. In caso contrario la rinegoziazione non avrebbe senso.

Articoli che potrebbero interessarti

  • 66
    A margine della recensione sull’ultimo album del Pollock Project (Quixote, Tre Lune Records, Helikonia 2013), abbiamo l’occasione d’incontrare Marco Testoni. Questo il piacevole dialogo, abbastanza raro per un incallito intervistatore come il sottoscritto. Buona lettura. Immaginiamo di stare su un palco buio e tu sotto le luci di uno Spot.…
    Tags: è, non, in, per, più
  • 61
    CAP. VII  Il pranzo di Aurore Anche se le sue camere mansardate sono vuote, Aurore si è alzata prima del solito. L’ansia di rivedere il suo Vincent e di impossessarsi di quel documento, l’ha tenuta sveglia quasi tutta la notte. Era da tanto che aspettava questo momento ma ora è…
    Tags: si, è, per, in, non, suo
  • 60
    CAP. XVII Giù la maschera Il grosso portone dai cardini arrugginiti si spalanca. Dietro il pesante uscio, un piccolo corpo lo regge in attesa che io ne varchi la soglia ed entri in casa. Un cigolio e il portone si chiude. Clodine mi fa strada passando avanti e, senza aprire…
    Tags: è, per, si, non, in
Pubblicato da nel 12 ottobre 2015 alle ore: 19:57. Archiviato sotto Economia. Puoi lasciare una risposta o trackback a questo articolo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>