Socialize

La street art ha un nuovo magazine

Print Friendly, PDF & Email


La street art ha un nuovo magazine

La street art ha un nuovo magazine

La street art ha ormai varcato la soglia della cultura underground per entrare a pieno titolo in quelle forme d’arte riconosciute anche dai più blasonati critici. Personaggi eclettici e a loro modo straordinari popolano un linguaggio nuovo che ha scelto come palcoscenico e laboratorio della propria creatività le grandi metropoli e le periferie urbane. È in questo effervescente contesto che nasce SwisherTribe, il nuovo magazine dedicato al mondo hip hop, street art e urban style lanciato dal distributore italiano dei famosi cigarillos Swisher Sweets molto diffusi tra i rapper americani. I lettori che il magazine si prefigge di raggiungere sono tutti gli amanti della musica rap, della cultura hip hop e della street art: un target giovane e cool che rispecchia appieno i valori del brand. SwisherTribe si dissocia dalle logiche editoriali mainstream e racconta con originalità e competenza il mondo della street culture a 360°. Il magazine raccoglie articoli ed approfondimenti riguardanti la musica rap, con particolare riferimento alle ultime tendenze in Italia, la street art e i graffiti. Ma non solo: all’interno è possibile scoprire news interessanti sul mondo dei fumetti, del cinema e dei videogiochi. Il corner “Un sigaro con…” dedicato alle interviste permette a tutti gli appassionati di cultura hip hop di scoprire tutti i retroscena e le anteprime che riguardano i protagonisti della scena italiana. Ad esempio in una delle più recenti interviste, Big Fish ha rilasciato importanti dichiarazioni riguardanti il suo passato con i Sottotono. Vacca ha confessato di non aver fumato per mesi per registrare il suo ultimo disco L’ultimo tango. Il noto rapper Lucci invece ha parlato del suo primo singolo La Collina estratto dal suo ultimo album, rivelando che nasce come doppio omaggio a De Andrè e all’Antologia di Spoon River di E.L. Masters. Ma non solo, ha anche aggiunto curiose dichiarazioni sul suo rapporto con le major e con la crew Brokenspeakers‬.

Articoli che potrebbero interessarti

  • 71
    CAP. VII  Il pranzo di Aurore Anche se le sue camere mansardate sono vuote, Aurore si è alzata prima del solito. L’ansia di rivedere il suo Vincent e di impossessarsi di quel documento, l’ha tenuta sveglia quasi tutta la notte. Era da tanto che aspettava questo momento ma ora è…
    Tags: si, è, per, in, i, non, suo
  • 69
    Intervista al musicista Nico Catacchio, in occasione dell'album The Second Apple, Fo(u)r 2012. Un album molto intenso e sentito il tuo.  Avremmo la tentazione di dire “quasi autobiografico”, intuendo qualcosa anche dai titoli dei brani… Io credo che sia arrivato di nuovo un momento storico in cui artisti, intellettuali e…
    Tags: è, in, non, per, musica, come, più, i, si
  • 68
    A margine della recensione sull’ultimo album del Pollock Project (Quixote, Tre Lune Records, Helikonia 2013), abbiamo l’occasione d’incontrare Marco Testoni. Questo il piacevole dialogo, abbastanza raro per un incallito intervistatore come il sottoscritto. Buona lettura. Immaginiamo di stare su un palco buio e tu sotto le luci di uno Spot.…
    Tags: è, non, in, per, più
Pubblicato da nel 15 ottobre 2015 alle ore: 8:04. Archiviato sotto Arte & Cultura. Puoi lasciare una risposta o trackback a questo articolo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>