Socialize

Rogier Telderman Trio, Contours

Print Friendly, PDF & Email
Rogier Telderman Trio

Rogier Telderman Trio

Francamente raro che un disco d’esordio possa presentare una sostanza emotiva tanto matura quanto affettivamente “semplice” da cogliere nelle sue sfumature melodiche, “semplice” quanto colta nelle sue essenze di richiamo stilistico all’Hard Bop ed alla spiritualità Cool.
Troppo spesso oggi il jazz appare fin troppo “pensato” piuttosto che “sentito”, si bada più al cercare cosa vada bene e cosa non vada bene, ma sovente solo da un punto di vista tecnico, o meglio tecnicistico. Abbiamo la sensazione che spesso le forme sensibili più importanti siano in definitiva quelle più elementari, legate ai punti cardine dell’esistenza, alla qualità più che alla quantità, all’emozione più che allo status, alla “gioia artistica” più che al successo della “visibilità”.
Seguendo tale certa (ma anche incerta) Via Maestra, il Trio aiuta a ricordare quale sia il giusto peso di ogni nota nell’esecuzione, tralasciando fatue questioni estetiche e manieristiche ciarlatanerie strumentali per la scelta del Pathos, pur avvertendo il Bilico tra i due poli della concretezza e dell’astrazione, del “saper suonare” e del “voler suonare”, dell’esprimere se stessi negli assoli e dell’interagire in un’Idea unica di Musica.
Dall'esordio  riflessivo di “Goodbye, Monsieur Belkin” all’energico classicismo di “On a Tuesday”, dalla lieve eleganza di “Minor Conspiracy” al Notturno sinergico di “Strange Place”, la performance pone in essere l’inesauribile risorsa  espressiva delle Blue Notes, e che vi sia Ellington o Jarrett, Jamal o Zawinul, non è un caso: Maestri da seguire, vie inesauribili di sapienza e passione, da intuire ma non da imitare.
Il caso da indagare, semmai, è il senso dello stupore che questo Trio sa levigare in una formidabile parabola fra Poesia e Filosofia.

ROGIER TELDERMAN TRIO
Contours
(2014, RM Records)
Rogier Telderman - piano & compositions
Guus Bakker - double bass
Tuur Moens - drums & additional percussion

Track Listing: Goodbye, Monsieur Belkin; On A Tuesday; Minor Conspiracy; Sketch; Strange Place; Song For AC; Slippers; Skippy Mash; Waltz.
Recorded by Udo Pannekeet on August 18th & 19th 2014
Mixed by Udo Pannekeet & Rogier Telderman
Mastered by Udo Pannekeet
Produced by Rogier Telderman

Articoli che potrebbero interessarti

  • 53
    A margine della recensione sull’ultimo album del Pollock Project (Quixote, Tre Lune Records, Helikonia 2013), abbiamo l’occasione d’incontrare Marco Testoni. Questo il piacevole dialogo, abbastanza raro per un incallito intervistatore come il sottoscritto. Buona lettura. Immaginiamo di stare su un palco buio e tu sotto le luci di uno Spot.…
    Tags: è, non, in, l, per, più
  • 50
    Roberto Magris, l'intervista. “One night in with hope and more…vol.1”: iniziamo dal tuo penultimo album. Un album all’impronta dell’eleganza, ancora una volta, e ancora una volta dedito alla lettura di pentagrammi magici dei maggiori interpreti di un jazz che ami profondamente…. E’ vero: sono il primo ad amare le cose…
    Tags: è, in, non, per, jazz, ed, si, l
  • 49
    Cari lettori, inizia oggi una piccola, nuova avventura per 4ARTS: la pubblicazione di un giallo a puntate (un capitolo a settimana), firmato dalla nostra collaboratrice Annamaria Porrino. Nel pieno stile dell'autrice, si tratta di un lavoro accattivante, ricco di atmosfere e spunti di riflessione, che siamo certi apprezzerete. Buona lettura…
    Tags: per, in, si, è, l, i, non
Pubblicato da nel 19 ottobre 2015 alle ore: 18:46. Archiviato sotto Musica,Recensioni. Puoi lasciare una risposta o trackback a questo articolo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>