Socialize

Italia e Stati Uniti d’America

Print Friendly, PDF & Email
Italia e Stati Uniti d'America

Italia e Stati Uniti d'America

(Alessia Duranti) - Dal modo di vivere delle famiglie si può capire com'è caratterizzata la società di un paese e comprenderne diversi aspetti culturali. Dall'incontro con Jean Luck, un ragazzo Americano di 17 anni tornato in Italia dopo aver vissuto per 7 anni a Chicago, ho notato differenze sostanziali sul tema dell'unità famigliare tra l’Italia e gli Stati Uniti.  Ho intervistato Jean Luck il 13 marzo 2016 ponendogli una serie di domande sul suo ritorno in Italia o sulle differenze tra i ragazzi italiani e quelli americani ma ciò che mi ha particolarmente colpito sono state le sue analisi sulla famiglia.  “In Italia la famiglia è molto importante perché si sta sempre insieme e si fa tutto insieme,  ad esempio durante i pasti la famiglia tende a riunirsi ; mentre in America la famiglia è meno unita e fanno un po' tutti come gli pare” mi ha detto. In base a delle statistiche nella maggior parte delle famiglie italiane spesso si pranza e si cena insieme e i pasti possono durare anche più di un’ora. Per gli americani, invece, il concetto di “riunirsi durante i pasti” è completamente assente. Ognuno può mangiare quando vuole e spesso se si mangia insieme la durata dei pasti è massimo di 20 minuti. Per loro la giornata è vissuta in modo frenetico specialmente nelle grandi metropoli come Chicago o New York.  Ciò può essere giustificato dal fatto che in America i ragazzi diventano maggiorenni già a 16 anni e quindi iniziano a creare progetti per il loro futuro.  Terminata la scuola superiore, infatti, mi ha raccontato Jean Luck, molti ragazzi continuano i loro studi al college completamente indipendenti dai loro genitori e iniziano da subito a inserirsi in un contesto lavorativo maturando in loro il concetto di “propio sostentamento  economico” soprattutto nelle famiglie che non possono permettersi di pagare gli studi al college per i propri figli. Mentre in Italia capita spesso che i ragazzi, dopo aver compito la maggiore età, continuano a vivere alle spese delle loro famiglie per molti anni e questo dimostra che i ragazzi americani sono molto più indipendenti da quelli italiani ma è pur vero che tale indipendenza e sicurezza può essere sostenuta dal fatto che in America c'è molto più futuro lavorativo che in Italia.

Articoli che potrebbero interessarti

  • 72
    Cari lettori, inizia oggi una piccola, nuova avventura per 4ARTS: la pubblicazione di un giallo a puntate (un capitolo a settimana), firmato dalla nostra collaboratrice Annamaria Porrino. Nel pieno stile dell'autrice, si tratta di un lavoro accattivante, ricco di atmosfere e spunti di riflessione, che siamo certi apprezzerete. Buona lettura…
    Tags: per, in, mi, si, è, i
  • 69
    CAP . II   I quartieri parigini e il Louvre E’ da un  po’ che la finestra della mia camera ci prova a farmi svegliare. Mi sta sbattendo in faccia una luce intensa così da infastidirmi e farmi lasciare il letto, ma io faccio finta di niente e ficco la…
    Tags: in, mi, per, è, si, i, dal
  • 62
    Il Natale per me è Assisi. Ogni anno torno qui, da Chiara e Francesco, per camminare sugli stessi ciottoli su cui hanno poggiato i loro piedi scalzi. Ho bisogno di sentire l’aria di santità di quel Francesco che indossava un saio ruvido per farsi scorticare la pelle nuda e calzava…
    Tags: è, per, si, mi, in, i, più, gli
Pubblicato da nel 8 giugno 2016 alle ore: 7:41. Archiviato sotto Scuola & Formazione. Puoi lasciare una risposta o trackback a questo articolo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>